Neorealismo e dintorni

 

Locandina 33x70

 

 

 

Foto 50x70

Il tetto (1956)

Regia: Vittorio De Sica

 

Questo film segna un ritorno di Vittorio De Sica al Neorealismo, anche se Ŕ trascorso quasi un decennio dalla fine della guerra e la situazione economico/sociale degli italiani Ŕ notevolmente migliorata rispetto quella rappresentata dai primi film neorealisti.

ILa trama: la vicenda descritta evidenzia uno di quei problemi sociali che le istituzioni del tempo fanno fatica ad ammettere: due giovani, Luisa e Natale, si sposano; con poche disponibilitÓ economiche e la mancanza di un alloggio vanno a vivere nella casa, affollata, di lui senza quell'intimitÓ che i giovani sposi vorrebbero avere; decidono quindi di costruirsi abusivamente una casa in una zona periferica di Roma, sfruttando una legge per cui se al mattino, quando passeranno i vigili per il controllo, c'Ŕ giÓ il tetto, finito, l'abitazione Ŕ considerata regolare e l'infrazione si pu˛ sanare con una piccola multa. Ed Ŕ ci˛ che fanno: durante la notte, aiutati dagli amici, iniziano la costruzione e al mattino hanno quasi finito; c'Ŕ ancora un buco nel tetto, ma il vigile, passando per il controllo, fa finta di non vederlo; gli sposini hanno finalmente una casa.

La storia Ŕ abbastanza comune nell'Italia del dopoguerra e il regista, coadiuvato da Cesare Zavattini per la sceneggiatura, trae spunto da questa per immergersi nel mondo del proletariato urbano che, con sacrifici, cerca di migliorare la propria condizione sociale. L'avventura dei due giovani sposi Ŕ certamente illegale e presenta dei rischi: per comprare il materiale occorre fare dei debiti e non c'Ŕ certezza che tutto corra liscio; e infatti il primo tentativo di costruire la casetta fallisce e i due devono tentare una seconda volta, in un'altra zona. Qui, per aiutare i due, si forma una catena di solidarietÓ tra poveri, i nuovi vicini, gli amici muratori, i parenti con cui in precedenza c'erano stati degli screzi. Il tentativo quasi riesce e anche il vigile decide di aiutarli a realizzare il loro sogno.