Le Donne del Cinema Italiano

 

 

Locandina 33x70

 

 

 

 

 

Foto 50x70

 

Sedotta e abbandonata (1964)

 

Regia: Pietro Germi

 

La Trama: la sedicenne Agnese viene sedotta da Peppino, promesso sposo di sua sorella maggiore, Matilde. Quando si accorge dell'accaduto, il padre, Don Vincenzo, tenta di imporre le nozze riparatrici, ma Peppino rifiuta di sposare Agnese, giudicandola troppo arrendevole e, solo con la minaccia di denuncia prima e di morte poi, si rassegna alle nozze. Dopo aver architettato un falso rapimento per rendere inevitabile il matrimonio agli occhi della gente, il padre si trova di fronte all'energico rifiuto di Agnese. L'onore familiare dovrÓ comunque essere salvato e Don Vincenzo escogiterÓ ogni mezzo per condurre i due giovani all'altare, anche a costo della vita e della felicitÓ della povera Matilde.

 

"Pur meno noto del precedente Divorzio all'italiana, con cui forma un dittico, questo film di Germi prosegue un cinico discorso sul rinnovamento dei costumi anni '60 e sugli aspetti grotteschi degli affetti all'italiana. Sono sempre le donne a subire... Siamo sempre in una Sicilia dominata da un finto senso dell'onore e Germi, con sceneggiatori super come Age e Scarpelli, muove a meraviglia le sue mostruose masse urlanti di famiglia, con un travolgente Urzý, il grande caratterista premiato a Cannes" [Maurizio Porro, Magazine CdS].

 

 

Manifesto francese 60x80